Informazioni su tebiscottieidee

Milanese di nascita, ma bergamasca d'adozione. Insegna attualmente in una scuola media paritaria. Diplomata al Liceo Classico Sarpi e laureata in Lettere Classiche, abilitata con tfa 2013. Appassionata di scrittura creativa e un po' "malata" di grafica, adora creare file il più possibile curati nel contenuto e nella forma ( bimbo permettendo :-). Adora la montagna, il teatro, la poesia, le arti manuali, i libri per l'infanzia, la spiritualità mistica e le oasi di pace...e la sua famiglia!

Un romanzo per la Giornata della Memoria

Immagine

Questa non è una storia cruda, o meglio, non è sicuramente la più cruda che si possa leggere sulla Shoa.

Non ci sono campi di concentramento né camere a gas.

Ciò non toglie, nondimeno , che non sia in grado di trasmettere il terrore e l’angoscia in cui i nazisti gettarono, nell’anno 1943, la numerosa comunità ebraica di Salonicco, rinchiusa nei ghetti e poi caricata sui treni per la Polonia. In questo romanzo l’autore si concentra sul “prima”: prima dei campi, prima dei treni.

E soprattutto ci presenta la figura dei giusti, il console italiano Guelfo Zamboni e del capitano Lucillo Merci, suo assistente e interprete, in corsa contro il tempo per concedere la cittadinanza italiana a quanti più ebrei potevano, aiutandoli così a scampare dai treni per la morte.
download